La Stanza

Una scrittura di osservazioni poetiche e letterarie: “LA STANZA”

di Gianfranco Proietti

Questo libro può essere visionato e richiesto cliccando  direttamente sul link:

IL MIO LIBRO.IT

libro-la-stanza

QUARTA DI COPERTINA:

La Stanza è la mia stanza, il mio io che scrive, aforismi, note, prosa poesia, osservazxioni e quanto possa essere divulgato nell’arte letteraria senza pretesa di eccellenze personali o successi immediati e qualificanti.

 

SCRIVO QUELLO CHE PENSO

Questo libro può essere visionato e richiesto cliccando direttamente sul link:

 

IL MIO LIBRO.IT

 

copertina-scrivo-quello-che-penso

QUARTA DI COPERTINA:

PROSA E POESIA
ALTERNATA SENZA…
RISPETTO E PRECEDENZA,
SCRITTI RIFLESSIVI
E CONTEMPLATIVI DI QUESTO E DEL SECOLO PASSATO;
AUSPICANDO CHE QUESTA LETTURA
INVOGLI AL SORRISO ANCHE LE PERSONE PIU SERIE,
ATTENTI ED ESIGENTI IN MATERIA LETTERARIA.

a pag 78

In tono euforico
un amico mi disse
-Ho comprato un fuoristrada
Da duecento trenta cavalli!-

In tono pacato io gli dissi
-Allora devi per forza
Comprare anche un serraglio.-

Da allora, non mi fece più confidenze.
Si sarà forse offeso?

Alla riscoperta di una scrittura essenziale

 

Questo libro può essere visionato e richiesto cliccando direttamente sul link:

IL MIO LIBRO.IT

alla riscoperta di una

 

Se l’ostinato silenzio della persona che ami t’induce al monologo come un pazzo, pazzo non sei, ma attore che recita senza copione e senza platea perché lo spazio tra la scena e l’amore è assai breve, sensibile e sottile.

Che crisi è?

Gli scrittori, i poeti, gli intellettuali, i commentatori, gli inviati più o meno speciali, e in particolare i giornalisti attivi nell’informazione, tutta questa gente quando dà un risultato.. fazioso, sono singolarmente e tutti insieme l’impoverimento culturale dell’umanità che li ascolta, e gli crede. Mi fa tanto piacere se questi personaggi.. atavici perdono il favore ,il privilegio, le garanzie, quindi la continuità del proprio lavoro e gli stipendi dei loro.. Protettori(Mi ricordo che le puttane li chiamavano papponi)

E saranno superati,  sostituiti da altrettanti personaggi leccapalle  e faziosi, ma a volte il cambio generazionale  porta nuovi posti di lavoro.

  In questi anni di crisi, sarà poco qualitativamente, ma quando ci sono bocche  da sfamare, c’è da fare… pochi capricci.